Il Perugia ottenne la promozione in Serie A con tre punti di vantaggio sul Como e quattro sul Verona: l'ultima partita casalinga — peraltro quella dell'addio al Santa Giuliana in favore del nuovo Comunale di Pian di Massiano —, giocata sette giorni dopo e vinta 2-1 col Novara, suggellò la conclusione di una stagione indimenticabile. Il progetto è dell’ing. PERUGIA – Il vecchio stadio Curi adesso è davvero pronto per andare in pensione, dopo poco meno di 40 anni di onesto servizio. Perugia – Si è tenuta questo pomeriggio a palazzo dei Priori la conferenza stampa dell’Amministrazione comunale per fare il punto sulla situazione attuale e futura dello stadio Curi alla luce di alcune indiscrezioni emerse nei giorni scorsi sulla stampa. 2:56. Il primo incontro nel nuovo stadio è Perugia-Milan del 5 ottobre 1975, terminato 0-0. Penso che il 2021 sarà l’anno in cui dovremo ripensare al progetto originario del nuovo stadio, ci saranno presto delle novità. Luigi Corradi e grazie al contributo della aziende umbre in poco più di 100 giorni lo stadio viene alla luce (un record a livello di tempistica per un impianto sportivo di queste proporzioni). Che il nuovo stadio Curi rinascerà sulle ceneri del vecchio stadio Curi e non sarà ricostruito accanto a quello attuale (ipotesi che pure era circolata; ndr) lo confermano anche i quotidiani. Ecco il nuovo stadio Curi, prime idee, presentati il nuovo progetto al comune. [11] Nella stagione 1994-1995 l'impianto era poi stato inizialmente scelto come sede del derby della Lanterna in programma il 30 aprile 1995, vista la squalifica del campo del Genoa padrone di casa;[12] tuttavia la CAF annullò la squalifica a seguito del ricorso dei rossoblù, e la sfida fu regolarmente disputata allo stadio Luigi Ferraris di Genova. Coordinate: 43°06′22″N 12°21′26″E / 43.106111°N 12.357222°E43.106111; 12.357222. L'impianto è stato costruito su progetto dell'ingegner Luigi Corradi, inizialmente con il nome di stadio Comunale di Pian di Massiano, nell'estate 1975. Almeno di quella calciofila. La nuova struttura sorge grazie soprattutto alla dedizione dell’amministratore delegato Spartaco Ghini che organizza turni di lavoro 24 ore su 24. L'impianto perugino, oltre alle partite di calcio, ha ospitato diversi concerti da parte di Umbria Jazz e di artisti. Si cercano soggetti disposti a finanziare il nuovo Curi realizzando una struttura su misura per la città, che inglobi attività economiche produttive di reddito, per il business plan il sindaco di Perugia Andrea Romizi – […] « Abbiamo grandi progetti con le Women e con … Dulcis in fundo abbiamo avviato un miglioramento delle nostre infrastrutture, sia il Taliercio che il Penzo. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 26 ott 2020 alle 16:20. Un gioco di parole che serve però a comprendere la direzione che ha preso il progetto per rifare lo stadio a Perugia. [14], Nella sua storia, il Curi è stato in tre occasioni crocevia dello scudetto, sempre nell'ultima giornata di campionato: nelle annate 1975-1976[15] e 1999-2000[16] la Juventus vide sfumare il tricolore — in favore, rispettivamente, di Torino e Lazio — a seguito di due sconfitte (entrambe per 1-0); nella stagione 1998-1999, invece, l'impianto fu teatro della festa del Milan, vincitore della partita (2-1) e del titolo nazionale. PERUGIA – È iniziato ieri con un incontro il percorso per un nuovo stadio a Perugia, il cosiddetto Perugia Stadium. Ecco il sogno dei perugini - Duration: 2:56. Stadio Renato Curi, Comune Perugia sta lavorando su fattibilità. Il Perugia Calcio ha depositato il progetto del Nuovo Curi in Comune. Poi, firmata la convenzione, si penserà allo stadio. In occasione dei lavori di ristrutturazione dello stadio Comunale di Firenze in vista del Mondiale 1990, la Fiorentina utilizzò il Curi come suo campo casalingo per diverse gare dell'annata sportiva 1989-1990, tra cui la semifinale di Coppa UEFA contro i tedeschi del Werder Brema. Il Nuovo Curi sorgerà sulle ‘ceneri’ del Vecchio Curi. Al termine del campionato di Serie A 1988-1989, lo stadio perugino venne designato come campo neutro per lo spareggio tra Fiorentina e Roma (1-0), atto ad assegnare l'ultimo posto utile alla zona UEFA. Perugia Calcio e Comune di Perugia rendono così omaggio, domenica, a Paolo Rossi. PERUGIA- Si è tenuta questo pomeriggio a Palazzo dei Priori, la conferenza stampa dell’Amministrazione comunale per fare il punto sulla situazione attuale e futura dello Stadio Curi, alla luce di alcune indiscrezioni emerse nei giorni scorsi sulla stampa. http://www.umbriaon.it/category/sport/calcio/ - A buon punto l'installazione dei nuovi sediolini sulla ex gradinata, come vogliono le nuove regole. Al momento, l’unico progetto uscito fuori, ormai oltre tre anni fa, è quello con le torri, stile Marassi di Genova. Scrive Michele Nucci su La Nazione che è questo l’operazione che Comune di Perugia e Cassa depositi e prestiti (e quindi Credito sportivo) cercheranno di costruire da qui alle prossime settimane. Ancora con Cassa Depositi e Prestiti, ancora con il Credito Sportivo, con un ruolo importante anche da parte del Perugia. Un nuovo stadio «polifunzionale» da 15mila posti, al coperto per un costo complessivo che si aggira sui 35 milioni di euro. Il progetto è dell’ing. Il debutto avvenne nel 1983, con la vittoria degli azzurri su Cipro (3-1) in una sfida valevole per le qualificazioni al campionato europeo di calcio 1984; l'ultima presenza azzurra al Curi è invece del 2014, un test amichevole col Lussemburgo (1-1) in vista del campionato del mondo 2014. E che il nuovo stadio sia un’urgenza nessuno può negarlo. Se poi il Massimiliano Santopadre riesce a diventare il presidente del nuovo stadio dopo 40 e passa anni, c’è il rischio concreto che finisca per conquistare il cuore della città. La Curva Sud viene inaugurata qualche anno più tardi, precisamente nella sfortunata gara di secondo turno di Coppa Uefa contro l’Aris Salonicco (0-3), il 7 novembre 1979. [1], Il 26 novembre 1977 l'impianto è stato intitolato a Renato Curi, centrocampista del Perugia, morto su questo campo il 30 ottobre precedente per un arresto cardiaco, nel corso di una partita di campionato fra i biancorossi e la Juventus.[5]. Lo stadio Renato Curi, originariamente stadio Comunale di Pian di Massiano, è un impianto sportivo di Perugia. La data cruciale dovrebbe essere il 3 settembre prossimo quando mezza giunta comunale con il sindaco Romizi in testa avrà l’incontro fissato con Cassa depositi e prestiti, per avere il finanziamento necessario. Nuovo Stadio Il progetto secondo stadio sta per essere attuato. Il nuovo stadio di Perugia: il progetto diventa tesi di laurea. Gli interventi di modifica realizzati hanno riguardano principalmente l'edificazione di nuovi locali sottostanti alla tribuna Ovest, l'installazione di telecamere di videosorveglianza, l'inserimento di tornelli d'ingresso (successivamente adattati per la registrazione elettronica degli ingressi) e l'installazione in tutti i settori dello stadio di seggiolini di color rosso; altri di color bianco andavano a formare la scritta "AC Perugia" sulla tribuna scoperta, e "R Curi" in curva Nord. Schemi e prospetti del progetto dell’architetto Giovanni Pulcioni per il Nuovo stadio Curi di Perugia LEGGI L’ARTICOLO. Poliziotti sventano furto, ma parte colpo di pistola: ladro ferito. Nel 2003 era stata firmata una convenzione fra il Comune di Perugia e il club, che prevedeva la proprietà da parte di quest'ultimo dello stadio per ottant'anni, e che doveva inoltre portare ad un ampliamento ed ammodernamento; a a seguito del fallimento della società nel 2005, il Comune è ritornato ad esserne l'unico proprietario. Ne hanno parlato a Palazzo dei Priori il sindaco Andrea Romizi, il presidente Massimiliano Santopadre e Andrea Abodi, presidente della Serie B, in un incontro al quale hanno partecipato anche gli assessori Francesco Calabrese ed Emanuele Prisco. Magari con l’aiuto di uno degli sponsor del Grifo, che di stadi se ne intende: costruirà infatti il nuovo stadio e la cittadella sportiva di Yaoundé, la capitale del Camerun, dove tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019 si svolgerà la fase finale della Coppa d’Africa. Ma confesso che non sono molto preoccupata, so che i perugini farebbero fatica ad accettare il contrario». Una cerimonia privata, alla quale però non sono mancati gli applausi e cori dei tifosi. Tra il 1998 e il 2006 sono stati effettuati diversi lavori di risistemazione; in questo frangente era stato inoltre presentato un progetto per una completa ristrutturazione dell'impianto,[6] cui però non si è dato seguito. [17] Infine, per quanto concerne le finali, nel 2013 l'impianto umbro ha visto l'ultimo atto della Coppa Italia di Serie D tra Delta Porto Tolle e Torre Neapolis,[18] mentre il 2 giugno 2019 è stato teatro della finale della poule per lo Scudetto Serie D tra Lecco e Avellino.[19]. Progetto preliminare per la messa a norma e la trasformazione del complesso sportivo "R. Curi", Serie B, alla prima assoluta il Perugia stende il Bologna, Italia-Lussemburgo 1-1: gol di Marchisio su assist di Balotelli e Chanot, Italia: le partite non valide e non ufficiali, Avellino-Albinoleffe a Perugia: nel 2006 esodo dei tifosi irpini, Lo scudetto della Juve finisce sott'acqua, Lecco e Avellino in finale Scudetto, domenica a Perugia l'ultimo atto della stagione, Santa messa nello stadio Renato Curi di Perugia, Stadi di calcio - Elenco degli impianti di calcio delle serie professionistiche italiane, qualificazioni al campionato europeo di calcio 1984, qualificazione al campionato mondiale di calcio 1998, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Stadio_Renato_Curi&oldid=116265867, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. #perugia #calcio #massimilianosantopadre #comune #marcobrunacci #polepolitik Redazione UmbriaVentiquattro 21,718 views. Perugia ha reso omaggio a Paolo Rossi all'interno dello stadio Curi. Grazie all'utilizzo di molti materiali prefabbricati, la struttura venne edificata in poco più di quattro mesi, dal 15 maggio al 5 ottobre;[1] ciò vista la necessità di abbandonare il vecchio impianto del Santa Giuliana, situato nel centro storico della città e divenuto nel frattempo insufficiente per le sopraggiunte esigenze del Perugia, all'epoca appena promosso in Serie A. Alla sua inaugurazione, lo stadio godeva di una caratteristica conformazione architettonica a "U" causa l'assenza della curva Sud. I tecnici di Palazzo dei Priori hanno preso visione degli elaborati che riguardano la ristrutturazione dell’impianto. LO STADIO COMUNALE DI PIAN DI MASSIANO, POI RINOMINATO “RENATO CURI”. Giocatore del Perugia nella stagione 1979-80, Rossi ha sempre mantenuto un legame speciale con la città. PERUGIA – Il vecchio Curi sarà demolito e al suo posto arriverà un nuovo impianto, di 15.000 spettatori al coperto, per un costo di 35 milioni. Perugia ha reso omaggio a Paolo Rossi all’interno dello stadio Curi. Una cerimonia privata, alla quale però non sono mancati gli applausi e i cori dei tifosi. Con il cambio di denominazione del sodalizio sportivo nel 2005, la nuova dirigenza ha fatto rimuovere i seggiolini che formavano la scritta "AC" sulla parte alta della tribuna Est. Il nuovo stadio, ideato dopo la promozione avvenuta nella stagione 1974/75, viene costruito per ovvi motivi lontano dal centro storico e i tifosi perugini sono costretti a modificare le loro consuete abitudini. Dagli anni 1980, lo stadio ha ospitato per sei volte la nazionale calcistica italiana. come aveva detto il Presidente Agnelli nella conferenza stampa di un anno fa dove davanti alle telecamere ribadiva la voglia di costruire un nuovo impianto. All'inizio del 2013 il Curi è diventato un impianto senza barriere tra gli spalti e il campo da gioco, nel rispetto delle normative UEFA. Fu inaugurato nel 1975 e deve il suo nome originario alla zona di Pian di Massiano, dove sorge. Mi auguro di potervi dare presto aggiornamenti importanti quando tornerò in Italia. Sul nuovo stadio: “Con 18 milioni di euro si fa uno stadio nuovo, ma non sicuramente come lo vorrei io. Il completamento del catino, con la costruzione di tale settore — di uguale capienza della Nord —, avverrà solamente il 7 novembre 1979, quando verrà inaugurata la nuova curva in occasione della sfida di Coppa UEFA tra Perugia e Arīs Salonicco;[3][4] fino ad allora, provvisoriamente al suo posto era presente solo un piccolo parterre di appena otto gradoni, per ospitare i tifosi in trasferta delle squadre avversarie. Come ampiamente prevedibile lo stadio è esaurito in ogni ordine di posto. [13] Il 4 giugno 2006, a causa della squalifica dello stadio Partenio di Avellino, al Curi si affrontarono Avellino e AlbinoLeffe (0-2) nella sfida di andata dei play-out di Serie B. [9] In mezzo, ci furono altri quattro incontri: le amichevoli del 1988 contro la Scozia (2-0) e del 2001 contro il Sudafrica (1-0), la gara del 1996 con la Georgia (1-0) valevole per la qualificazione al campionato mondiale di calcio 1998, nonché l'incontro non ufficiale con la Grecia del 1990 giocato dagli azzurri in preparazione del campionato del mondo 1990.[10]. Il nuovo stadio, ideato dopo la promozione avvenuta nella stagione 1974/75, viene costruito per ovvi motivi lontano dal centro storico e i tifosi perugini sono costretti a modificare le loro consuete abitudini. Stadio coperto. Prima passo per il nuovo stadio Curi. Fu inaugurato nel 1975 e deve il suo nome originario alla zona di Pian di Massiano, dove sorge. Si tratta di un impianto di 23.625 posti che ospita le gare interne del club umbro. O almeno, per la sistemazione di quello esistente, all’altezza di una platea come quella della Serie B, e magari presto, è l’auspicio dei tifosi, per la massima serie. Il Perugia Calcio ha presentato in Comune il progetto del Nuovo Curi. Lo stadio comunale “Pian di Massiano”, il 26 novembre 1977, cambia denominazione dopo la tragica scomparsa del centrocampista biancorosso Renato Curi durante Perugia-Juventus del 30 ottobre precedente. Perugia, 12 dicembre 2020 - "Anche lo stadio "Curi" è pronto ad accogliere per l'ultima volta il feretro di Paolo Rossi. Il nuovo stadio Curi, presentato il nuovo progetto al comune Il Perugia Calcio ha depositato il progetto del Nuovo Curi in Comune. Si chiama Filippo Sargentini e potrebbe essere il punto di collegamento fra il comune, la società, imprenditori e il credito sportivo. PERUGIA - Per il nuovo stadio Curi un vertice dietro l’altro. Aggiungo però – spiega – che nel caso venisse costruito un nuovo stadio, auspico fortemente che venga confermato il nome di quello attuale. Il feretro del campione del mondo è stato accolto, verso le 9, allo stadio Curi a Pian di Massiano in una cerimonia avvenuta in forma strettamente privata. Natale a Todi, così tre giovani hanno allestito i portici comunali. Lo stadio Perugia prende ufficialmente il nome di Renato Curi ed è ubicato in piazzale Caduti di Superga. L'intitolazione attuale onora la memoria dello scomparso Renato Curi, calciatore del Perugia, la squadra che in tale stadio disputa i propri incontri interni. "La sicurezza dello Stadio Renato Curi è una priorità per la nostra amministrazione", ha detto Clara Pastorelli, che prosegue: "Si tratta di un percorso iniziato con la sigla di un protocollo, il progetto per il nuovo Stadio Renato Curi si sta delineando, siamo entrati nella fase del coinvolgimento con la società sportiva del Perugia Calcio". Da quanto riporta CityJournal sarebbe andata in scena una riunione molto riservata nella quale la dirigenza del Perugia ha rappresentato al sindaco Romizi e ad alcuni tecnici un progetto di stadio che è molto di più di un generico impegno o un libretto dei sogni. Massimiliano Santopadre è pronto a costruire il nuovo stadio del Perugia. Lo stadio Renato Curi, originariamente stadio Comunale di Pian di Massiano, è un impianto sportivo di Perugia. SANTOPADRE PERUGIA RINFORZI STADIO – Il presidente del Perugia, ... Quest’anno abbiamo 17 giocatori di proprietà grazie alle plusvalenze passate e possiamo aprire un nuovo ciclo. Se il Perugia si dotasse di uno stadio più moderno, più funzionale e più confortevole, ci sarebbero più tifosi disposti ad andare allo stadio, più sponsor disposti a scommettere ad una promozione in serie A. Il nuovo stadio può portare più visibilità e quindi più turismo per l’intero indotto cittadino. [7] Il 29 agosto 2014, in occasione di Perugia-Bologna valevole come anticipo per la prima giornata del torneo di Serie B, il manto del Curi ha visto l'esordio assoluto nei campionati professionistici italiani del vanishing spray,[8] la speciale bomboletta di schiuma delebile atta a segnalare, in caso di calci piazzati, la distanza delle barriere e la posizione della palla sul terreno di gioco.